Lettera da Chi ce l’ha fatta

Pubblicato il

Salve a tutti,
ciao Roberto,

non che ex, in primis, professore al corso per OSS (Operatori Socio Sanitari) poi mio psicologo, ti scrivo perché vorrei raccontare la mia storia, perché, dopo aver scoperto che in fondo al tunnel esiste la luce, sento la necessità di aiutare altre persone a intraprendere la strada che ho fatto io per uscire dal tunnel.

La società in cui viviamo oggi purtroppo ci invita a prendere una infinità di tunnel che possono essere Alcol, droga, gioco d’azzardo e chi più ne ha più ne metta.

Il mio problema principale era la tossicodipendenza o meglio la mania di essere sballato con qualsiasi cosa che mi deviava dalla realtà.

Nasco in Brasile 34 anni fa da una famiglia problematica come la maggior parte delle famiglie in quelle zone, dopo aver subito violenze di ogni genere io e mio fratello siamo stati messi in un istituto dove da li una famiglia italiana ci ha adottato.

Da quello che mi raccontano i miei genitori adottivi io non ho fatto difficoltà a accettare loro come nuovi genitori forse perché avevo solo 3 anni.

Sono stato sempre un bambino in cerca di affetto e attenzioni e quando i miei non potevano darmelo c’era la mia adorata nonna che ora mi segue dall’altra dimensione.

Proprio nel periodo in cui mia nonna stava per lasciarci nella vita terrena io iniziavo a frequentare amicizie sbagliate con le prime cannette .

Da lì a passare a cose più pesanti è stato un attimo.

Sentivo la necessità di sentirmi importante e considerato dagli altri e in quel mondo artificiale la tua testa, la mia testa, si era convinta che tutti mi volevano bene ma ora che sono libero mi rendo conto che era pura fantasia perché in quel mondo non esistono amici.

 

Nel pieno dei miei problemi ho iniziato a fare un corso Oss dove li, come vi dicevo all’inizio ho conosciuto il grande Roby che mi ha colpito sin da subito con la sua capacità trasmettere serenità forse perché vedeva nei mie occhi un mare di tristezza.

Un giorno finita una lezione mi chiese cosa avessi e io ho iniziato ad aprirmi con lui fino a fare delle sedute di terapia psicologica.

 

In queste occasioni, dopo che lui aveva perfettamente capito i miei disagi, mi ha sempre invitato a farmi forza perché secondo lui ero un ragazzo molto intelligente e che sarei stato in grado di farcela senza il supporto di droghe medicinali e quant’altro.

Il destino crudele vuole che in quel periodo perdo una delle persone a cui tenevo di più in questa ossia la mia ragazza.

qui per me è iniziata la svolta…

 

all’inizio non volevo più vivere e Roberto percepiva questa cosa infatti mi tallonava con continue sedute di terapia psicologica, spronandomi, ripetendomi continuamente che ce la potevo fare ad uscire da quel maledetto incastro della mia mente.

 

Poi in un momento di lucidità ho deciso di intraprendere un percorso comunitario in una comunità terapeutica dove però non era possibile essere supportati da qualsiasi tipo di farmaco.

All’inizio Roby era molto scettico su questa mia decisione perché da buon professionista e conoscendo il mio piano terapeutico la vedeva molto rischiosa come strada ma poi vedendo la mia determinazione si è assunto tutte le responsabilità anche di fronte ai dottori del Sert che non mi volevano lasciare andare.

 

Poi sono entrato in comunità dove ho fatto un percorso molto breve di 6 mesi ma fortunatamente sono bastati ed oggi sono una persona completamente nuova e Roby é molto orgoglioso di questo.

 

Ora abbiamo un ottimo rapporto di amicizia perché il suo aiuto professionale non mi serve più.

Credetemi, la strada è dura ma volere è potere.

 

E il motto che mi accompagna è :
SCHIAVI DEL PASSATO PADRONI DEL FUTURO .

Felipe

Categories: Dipendenze

Su questo sito Web utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file chiamati (cookie) sul tuo dispositivo.
I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione.
Abilitando i cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy